Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta Sabato 11 Agosto 2018 è entrata in vigore dal 12 Agosto 2018 la Legge 96 del 09/08/2018 di conversione del c.d. “Decreto Dignità”.

Il provvedimento apporta modifiche alle disposizione introdotte a Luglio dal DL 87/2018 e introduce un complesso meccanismo di gestione del periodo transitorio.

Le modifiche definitive all’istituto del contratto a tempo determinato possono essere così riassunte:

-     viene confermata la riduzione da 36 a 24 mesi della durata massima del singolo contratto di lavoro;

-     viene confermata la riduzione da 36 a 24 mesi della durata complessiva della successione di più contratti di lavoro a tempo determinato per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale;

-     viene confermato che il primo contratto a tempo determinato, se di durata pari o inferiore a 12 mesi, potrà essere “acausale”, eventuali successive riassunzioni (definite rinnovi) o proroghe oltre i 12 mesi saranno possibili solo in presenza di:

  • esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività, ovvero esigenze di sostituzione di altri lavoratori
  • esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria

-     viene confermata la riduzione da 5 a 4 del numero di proroghe effettuabile nell’arco dei 24 mesi;

-     viene introdotta una maggiorazione contributiva dello 0,5% che graverà su ogni contratto successivo al primo, stipulato fra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore, ad esclusione dei contratti sostitutivi

-     viene confermato l’ampliamento da 120 a 180 giorni (dalla scadenza del contratto) del termine concesso al lavoratore per impugnare la validità del contratto a tempo determinato;

-     viene modificata la disciplina del regime transitorio, le nuove norme si applicano ai contratti sottoscritti dopo l’entrata in vigore della L. 96/2018. Per i contratti già in essere invece si applicano le norme pre-vigenti fino al 31/10/2018, anche in caso di proroga o rinnovo entro tale data.

In tema di contratto di Somministrazione di Lavoro:

-     viene precisato che in caso di ricorso al contratto di somministrazione l’obbligo di indicazione della causale grava sull’azienda utilizzatrice;

-     viene ripristinata l’esclusione della disciplina dello Stop&Go ai contratti di lavoro in somministrazione;

-     viene introdotto un nuovo limite quantitativo al ricorso a forme di lavoro “flessibile” secondo il quale, fermo restando il limite quantitativo del 20% per il ricorso a contratti a tempo determinati (o il diverso limite già previsto dai CCNL), il cumulo fra contratti di lavoro a tempo determinato e contratti di somministrazione non potrà comunque superare il 30% del numero di assunti a tempo indeterminato; restano esclusi da tale limitazione i contratti di somministrazione con lavoratori svantaggiati;

-     viene reintrodotta la fattispecie della somministrazione fraudolenta per sanzionare tutti i casi in cui vengano sottoscritti dei contratti formalmente corretti ma con l’intento di aggirare altre norme di legge.

In tema di indennità per il licenziamento a “tutele crescenti”:

-     viene confermato l’aumento da 4 a 6 mensilità della misura minima e da 24 a 36 mensilità della misura massima dell’indennizzo concesso dal giudice al lavoratore;

-     viene aumentata da 2 a 3 mensilità la misura minima e da 18 a 27 mensilità la misura massima dell’offerta conciliativa.

La Legge di conversione inoltre modifica la disciplina dell’esonero contributivo estendendo anche agli anni 2019 e 2020 il diritto all’agevolazione per le assunzioni di lavoratori che non abbiano compiuto i 35 anni e non abbiano mai lavorato a tempo indeterminato (nella precedente formulazione la norma prevedeva il limite di 35 anni per il solo 2018 mentre la soglia veniva ridotta a 30 per il 2019 e 2020).

 

Le informazioni contenute nel presente testo hanno carattere esclusivamente informativo e non hanno carattere esaustivo, né possono essere intese come espressione di un parere o di una indicazione o presupposto al fine di adottare decisioni. L'autore non potrà essere considerato responsabile per qualsiasi uso fatto da terzi delle informazioni né per qualsiasi azione od omissione posta in essere in base alle informazioni qui esposte senza che ci sia stato richiesto uno specifico approfondimento o parere.