Con comunicazto stampa del 26/09/2018 la Corte Costituzionale ha reso noto di aver dichiarato illegittimo l’articolo 3, comma 1, D.Lgs. 23/2015, sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, nella parte in cui viene prevista una quantificazione automatica dell’indennità spettante al lavoratore il cui licenziamento venga valutato come ingiustificato dal giudice. La corte è pervenuta a questa decisione in quanto la previsione di un’indennità crescente in ragione della sola anzianità di servizio del lavoratore risulterebbe contraria ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasterebbe con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione.

 

Le informazioni contenute nel presente testo hanno carattere esclusivamente informativo e non hanno carattere esaustivo, né possono essere intese come espressione di un parere o di una indicazione o presupposto al fine di adottare decisioni. L'autore non potrà essere considerato responsabile per qualsiasi uso fatto da terzi delle informazioni né per qualsiasi azione od omissione posta in essere in base alle informazioni qui esposte senza che ci sia stato richiesto uno specifico approfondimento o parere.